USA

Cos’è QAnon, la teoria del complotto americana che ha girato il mondo

10/20 • 7 min • Copia link

Kennedy non è mai morto, ha finto la sua morte e ora sta aiutando Trump in America. I Democratici americani sono veri e propri pedofili e maniaci sessuali. Il coronavirus è solo un’invenzione, utilizzata dai Democratici per non far rieleggere Donald Trump. Ma cos’è QAnon?

Queste sono solo alcune delle idee alla base di QAnon, una gigantesca teoria del complotto, che si sta facendo sempre più grande negli USA e non solo. Questa “ideologia” è considerata dall’FBI una minaccia terroristica nazionale e ben 11 candidati Repubblicani che a Novembre, aspirano a venir eletti deputati della Camera, sostengono QAnon.

Cos’è QAnon?

L’idea alla base di QAnon può essere riassunta in questo modo: Q è un agente segreto, o un ufficiale dell’esercito. Questa misteriosa figura ha le prove che, i leader corrotti del mondo, stanno torturando e stuprando bambini. Trump sta lavorando giorno e notte per eliminarli e la loro sconfitta sarà imminente. Per fare giustizia però, c’è bisogno che tutti i patrioti americani seguano gli indizi che Q lascia sui social.

Per questo motivo i leader corrotti satanisti pedofili, stanno cercando di fermare a tutti i costi il successo di Trump: così lui non può più smascherare le loro malefatte. Tra i “cattivi” che QAnon vuole combattere ci sono: Hillary Clinton, Barack Obama, George Soros, Bill Gates, Tom Hanks e Papa Francesco.

Come è iniziato?

Il 5 ottobre 2017, Trump e la moglie Melania si mettono in posa nella sala da pranzo della Casa Bianca. Tra uno scatto e un altro, Trump con grande tranquillità annuncia che “questa è la quiete prima della tempesta.”

I presenti si allarmano e iniziano a fare domande: Quale tempesta? Il presidente risponde in modo criptico e misterioso: ” lo scoprirete”. I social e i giornali si sono immediatamente animati, soprattutto a causa della nota imprevedibilità di Donald Trump.

Il 28 ottobre 2017, un misterioso utente anonimo firmato come “Q” emerge in internet, più precisamente su 4chan. Q ne è certo, ha capito cosa voleva dire il misterioso presidente: la “tempesta” era l’imminente arresto di Hillary Clinton. Il social si scatena e lui rassicura i suoi lettori “c’è già un mandato di cattura, è questione di qualche ora”.

Cos’è QAnon: un’immensa caccia al tesoro

Come potete immaginare Hillary Clinton non è mai stata arrestata, ma ormai, nessuno poteva più fermare Q. L’anonimo utente posta in continuazione nuove profezie, nuovi indizi, e non si limita a 4chan. Passa subito a 8chan e quando questo viene oscurato, va su 8kun.

I seguaci di Q non possono fare a meno di cercare di capire i suoi criptici indizi. Il The Guardian definisce questa attività come “una grande caccia al tesoro su internet, con una posta in gioco incredibilmente alta.”

Da quel momento in poi la teoria sarebbe potuta morire come tutte le altre, ma questo non è il caso di QAnon. Grazie a tre teorici della cospirazione infatti, il complotto è diventato un vero ecosistema multimediale con  video, meme, e-book e molto altro. Il fine? Creare una realtà alternativa che attiri sempre più “prede” possibili. E guadagnarci, ovviamente. Ora sappiamo cos’è QAnon, ma quanti lo seguono?

I seguaci

Chiunque può diventare seguace di QAnon, ma ci sono delle caratteristiche che rendono una persona più vulnerabile al complotto. Queste teorie sfruttano la paranoia per alimentare speranza e senso di appartenenza.

I più predisposti si credono allo stesso tempo un po’ vittime e un po’ guerrieri e condividono sicuramente l’odio per le élite tradizionali. Questa caratteristica rende molto simili complottismo e populismo. Inoltre, QAnon è considerata da molti una vera e propria religione, tanto che il linguaggio tipico del cristianesimo evangelico è molto presente.

I più grandi gruppi Facebook dedicati a QAnon, avevano circa 200.000 membri. Facebook ha deciso di bandirli, e subito dopo è stato il turno di Twitter, che ha limitato circa 150.000 account. Anche se è difficile capire esattamente di quante persone stiamo parlando, sappiamo che la maggior parte sono anziani, repubblicani e cristiani.

Perché sono pericolosi?

Nel 2019, come vi abbiamo già accennato, l’FBI ha etichettato QAnon come una minaccia terroristica nazionale. Gli esperti hanno argomentato la decisione raccontando la storia di diversi attentati terroristici avvenuti nel nome di QAnon.

Uno di questi, riguarda un uomo che nel 2018 è stato sorpreso con del materiale per costruire una bomba. Secondo le autorità, il suo intento era far esplodere la sede di governo dell’Illinois. In questo modo tutti gli americani avrebbero conosciuto la verità.

Il principale elemento di pericolosità di QAnon è proprio la violenza. Q incita spesso i suoi adepti ad utilizzare la forza contro i “pedofili”, i “nemici” e soprattutto gli scettici. Cercare di fermare i satanisti pedofili è infatti un dovere morale, e nonostante molti non abbiano mai utilizzato la violenza, molti altri lo hanno già fatto e lo rifaranno.

Che c’entra Trump?

Dobbiamo aggiungere un elemento alla pericolosità di QAnon: la sua rilevanza in politica. Di recente è stato compilato un elenco di 77 candidati per i seggi al Congresso. Ognuno dei nomi presenti nella lista ha dato il suo sostegno a QAnon e secondo gli esperti, almeno due di loro verranno eletti.

Al centro di ogni loro teoria c’è il ruolo di Trump e la sua importanza. Il presidente degli Stati Uniti lo sa, e avrebbe potuto smentirli. Invece, ha preferito elogiarli come patrioti e annunciare: “Se posso aiutare a salvare il mondo dai problemi, sono disposto a farlo. Sono disposto a mettermi in gioco, e lo stiamo facendo, in realtà. Stiamo salvando il mondo da una filosofia di sinistra radicale che distruggerà questo paese e, quando questo paese se ne sarà andato, il resto del mondo seguirà.”

Facebook ha di recente annunciato di aver rimosso 10.000 gruppi legati alla teoria del complotto. Nonostante questo, Trump ha detto di non averla mai sentita nominare, ma loro lo amano e lui li apprezza. Come se non bastasse, il partito Repubblicano ha sensazionalizzato ufficialmente le affermazioni secondo cui, i Democratici sono protettori di pedofili e trafficanti di sesso.

Cos’è QAnon e chi è Q

Q non ha mai rivelato la sua identità, e per i seguaci, il fatto che lui rimanga anonimo è una prova della sua credibilità. Come abbiamo già accennato, la maggior parte delle persone, credono che Q sia un agente segreto. Per questo motivo è in possesso delle prove sull’élite pedofila.

Le ipotesi sulla sua identità sono svariate, ma sono riassumibili in tre gruppi principali. Nel primo gruppo, c’è chi crede che Q sia una persona in carne ed ossa, che ha sempre fatto tutto da sola. Rientra in questo gruppo anche chi crede che Q sia lo stesso Trump.

Nella seconda teoria, rientrano coloro che credono che Q abbia pubblicato messaggi per un po’ di tempo, prima che succedesse qualcosa. Secondo i sostenitori di questa ipotesi, c’è qualcuno che ora sta pagando Q per continuare, oppure è proprio quel qualcuno ad aver sostituito Q.

Infine, la terza ipotesi vede un collettivo di persone che condividono uno stesso account. In questo gruppo rientra anche l’idea che Q, sia un’agenzia di intelligence.

In ogni caso gli esperti sono d’accordo su un punto principale: QAnon non è alla fine, ha appena iniziato. Nelle ultime settimane infatti, molte di queste idee complottiste hanno fatto il giro d’Europa.

Durante una manifestazione di estrema destra a Berlino, numerose persone hanno sfoggiato il simbolo di QAnon. Anche in Francia, l’idea che la sinistra traffichi bambini e sia satanista, ha ben attecchito. Lo stesso vale per Regno Unito e Italia, in questi due casi, si è specialmente diffusa tra le frange dei NoVax.

di

Contribuisci

Non sei d'accordo con quanto scritto o vuoi aggiungere qualcosa? Puoi contribuire all'approfondimento inviando all'autore un commento all'articolo. L'autore si impegnerà a risponderti e, eventualmente, a integrare l'articolo sulla base delle tue segnalazioni.

Cliccando su "Invia" dichiaro di aver letto l'informativa privacy e acconsento alla memorizzazione dei miei dati nel vostro archivio secondo quanto stabilito dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali n. 679/2016, GDPR.